Ana səhifə

Fuci crema IL crocifisso: L’amore di dio per noi incontro di Preghiera


Yüklə 38.29 Kb.
tarix11.06.2016
ölçüsü38.29 Kb.
FUCI - CREMA


IL CROCIFISSO:

L’AMORE DI DIO PER NOI
Incontro di Preghiera

Settimana Santa 2012
PREGHIERA ALLA CROCE
Canto d’ingresso: Te al centro del mio cuore

1. Ho bisogno d'incontrarti nel mio cuore,

di trovare Te, di stare insieme a Te:

unico riferimento del mio andare,

unica ragione Tu, unico sostegno Tu.

Al centro del mio cuore ci sei solo Tu.

2. Anche il cielo gira intorno e non ha pace,

ma c'è un punto fermo, è quella stella là.

La stella polare è fissa ed è sola,

la stella polare Tu, la stella sicura Tu.

Al centro del mio cuore ci sei solo Tu.

Rit. Tutto ruota intorno a te in funzione di Te

e poi non importa il "come", il "dove", e il "se".

3. Che Tu splenda sempre al centro del mio cuore,

il significato allora sarai Tu,

quello che farò sarà soltanto amore.

Unico sostegno Tu, la stella polare Tu.

Al centro del mio cuore ci sei solo tu. Rit.



C. Nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo.

A. Amen.

C. Carissimi, la storia della croce dell’uomo ha una tappa centrale: la storia della croce di Gesù.

Gesù ci è simpatico e interessante perché è Uomo-Dio che ha vissuto sul serio, che ha cercato in tutta la sua vita, con fatti e con parole, di riavvicinare l’uomo a Dio e l’uomo all’uomo. Ha amato e accolto i piccoli, i poveri, i peccatori, i sofferenti. Ha avuto il coraggio di opporsi ai prepotenti e agli oppressori. Eppure con la sua croce il conto non torna, ci sconvolge.

Perché la croce di Gesù? Gesù non muore sulla croce per vanificare l’amore alla vita con cui ha conquistato l’animo dei suoi discepoli. Gesù muore per testimoniare la serietà con cui va vissuta la vita, la radicalità con cui va assunto l’impegno di promuovere la vita in ciascuno. La croce di Gesù è il simbolo del suo amore alla vita e all’uomo, anche al violento e all’oppressore, a colui che lo condanna e gli toglie la vita.
Dialogo d’inizio

C. Venite, adoriamo Cristo, il Figlio di Dio:

con la sua croce ci ha redenti.

Ha consegnato se stesso alla morte.

T. Per dare salvezza al suo popolo,

a tutte le nazioni sulla terra.

 

C. Gesù Cristo, da Dio come era,

non conservò gelosamente,

come un tesoro, la sua condizione.



T. Rinunziò a tutto: servo di tutti,

uomo tra gli uomini

è vissuto come uno di noi.

C. Si fece piccolo e debole,

obbediente al Padre e solidale all’uomo

fino alla morte di croce.

T. Perciò Dio lo ha innalzato

sopra tutte le cose

e gli ha dato il Nome più grande.
La Croce dell’uomo

G. La croce non è un simbolo facile, né troppo simpatico, per l’uomo e la donna di oggi. Sì, c’è chi se la appende all’orecchio, chi la porta al collo, magari se ne fa un tatuaggio; oppure viene sfoggiata in tutte le forme più svariate e ambigue, fino alla croce uncinata.

Di che cosa narra oggi la croce: racconta di vita o di morte?

È vissuta come segno di speranza, amore, come dice il Papa, o diviene simbolo di morte, di dolore, di depressione? Forse questo segno antico, nel nostro contesto sempre accompagnato dal colore nero, il nero del lutto o il nero dei dark o degli skin, è simbolo che ha il sapore di morte, della depressione, della tristezza.
L’assemble risponde: Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

L1. Vogliamo partire dalle storie di cui la croce narra, storie di ieri e di oggi, di uomini e donne, di giovani e non.

A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

 

L2. La croce. È la storia di Antonio, un giovane rossanese che, spaccone e nello sciocco delirio di onnipotenza, insieme agli amici ha deciso di fare una spedizione punitiva alla festa di compleanno dei compagni a Campana. La sua è la storia di un ragazzone finito in coma, appeso ad un filo tra vita e morte, perché scaraventato in un dirupo dal gruppo avversario. È la storia della violenza che ricade addosso a lui e ai cosiddetti amici.



A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

L3. La croce racconta anche di Danilo, un bambino vispo e intelligente di 9 anni, la cui vita è scandita non dagli appuntamenti di gioco con i compagni, ma dal sottoporsi a visite e cure infinite, a volte violente, per vincere un male incurabile al cervello. È la croce di Danilo, ma anche di papà e mamma. Ci chiediamo: perché?

A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

L4. Anche quella di Paola è una croce; lei che a tre mesi rimase abbandonata dal papà, che lascia la moglie e i figli e fugge con un’altra donna. E Paola non conoscerà mai il volto del padre.

A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

L5. Croce è quella di Franco, chiamiamolo così, che qualche mese fa ha perso la mamma, l’unica persona al mondo che gli era rimasta, picchiata e scaricata da un camion in corsa.

A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

L6. E che croce quella di Lele, a 9 anni gli muore il padre tra le braccia, in giardino, e così è condannato a lasciare la scuola, a fare il pastore per mantenere la famiglia. E poi a 18 anni gli muore anche la madre. Ora vive solo, con la casa vuota e il cuore triste. Perché?

A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

L7. È croce anche quella di Leonardo, che non riesce più a riemergere tra esami mai superati, solitudini, depressioni e inganni continui a sé e agli altri.

A. Kyrie, Kyrie eleison. Kyrie, Kyrie eleison.

G. Quante croci. Tante. Troppe. E tanti “perché?”

Perché la croce tocca così da vicino la nostra vita?


L. Dalle parole di Don Tonino Bello

Ecco la logica della croce. Penso ai poveri, agli sbandati che strisciano accanto alle nostre case, a tutta l’umanità dolente che ci passa sotto gli occhi. Mettete i nomi che volete: Maria, Antonella, Luisa, Piero… Quanta gente soffre! Il piazzale di Lourdes è la concentrazione più emozionante della sofferenza umana. Però questa sofferenza la vediamo nelle nostre case, nelle nostre parrocchie, nei nostri quartieri. Ebbene, a questa gente io vorrei dire che un giorno, quando avranno finito di percorrere la mulattiera del Calvario e avranno sperimentato come Cristo l’agonia del patibolo, si squarceranno davvero da cima a fondo i veli che avvolgono il tempio della storia. Se noi saremo bravi a farlo capire, essi diranno che la loro vita non è stata inutile. Non è inutile la vita dei nostri fratelli disfatti dal dolore, che si trovano su una lettiga da tempo: la vita di Ignazio, un amico giovanissimo che prorompeva di vita e adesso è immobilizzato e soltanto soffiando può togliersi le mosche dal volto… Nessuna vita, nessuna sofferenza è inutile. Questo ci insegna la croce.



Breve pausa di silenzio

T. Dio, che senso ha il dolore umano?

Perché la sofferenza dell’uomo?

Perché il dolore dell’innocente?

Perché il violento che crea montagne invalicabili di dolore?

Perché tu sei silenzioso e taci?

L. Perché sei paziente e attendi? Cosa attendi?

Perché il tuo silenzio? Dio, cosa fai?

Non ti stanchi di fare lo spettatore?

Dove sei Dio, quando c’è il dolore dell’uomo?



Canto al Vangelo

Lode a Te, o Cristo, re di eterna gloria. Lode e gloria a Te

Il Figlio dell’Uomo è venuto per servire

e dare la sua vita in riscatto per molti.

Lode a Te, o Cristo, re di eterna gloria. Lode e gloria a Te

Vangelo

X Dal Vangelo secondo Luca (9,22-24)

Allora Gesù disse: “Il Figlio dell’Uomo deve soffrire molto, essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, essere messo a morte e risorgere il terzo giorno”.

Poi a tutti diceva: “se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua.

Chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi, perderà la propria vita per me, la salverà.



C. Parola del Signore

A. Lode a te, o Cristo

 

L. Ascoltiamo una storia

Alla fine dei tempi, miliardi di persone furono portate su di una grande pianura davanti al trono di Dio. Molti indietreggiarono davanti a quel bagliore. ma alcuni in prima fila parlarono in modo concitato, non con timore reverenziale, ma con fare provocatorio.

“Può Dio giudicarci? Ma cosa ne sa lui della sofferenza?” Sbottò una giovane donna, rivoltando una manica per mostrare il numero tatuato di un campo di concentramento nazista. “Abbiamo subito il terrore, le bastonature, le torture e la morte!”.

In un altro gruppo un giovane nero fece vedere il collo, “E che mi dici di questo? - domandò mostrando i segni di una fune. - Linciato. Per nessun altro crimine se non per quello di essere un nero”.

In un altro schieramento c’era una studentessa in stato di gravidanza con gli occhi consumati. “Perché dovrei soffrire - mormorò - non fu colpa mia”. Più in là nella pianura c’erano centinaia di questi gruppi. Ciascuno di essi aveva dei rimproveri da fare a Dio per il male e le sofferenze che Egli aveva permesso nel mondo.

Come era fortunato Dio a vivere in quel luogo dove tutto era dolcezza e splendore, dove non c’era pianto né dolore, fame o odio. Che ne sapeva Dio di tutto ciò che l’uomo doveva sopportare in questo mondo? Dio conduce una vita molto comoda, dicevano. Ciascun gruppo mandò avanti il proprio rappresentante, scelto per aver sofferto in misura maggiore. Un ebreo, un nero, una vittima di Hiroshima, un artritico orribilmente deformato, un bimbo cerebroleso. Si radunarono al centro della pianura per consultarsi tra loro. Alla fine erano pronti a presentare il loro caso. Prima di poter essere in grado di giudicarli, Dio avrebbe dovuto sopportare tutto quello che essi avevano sopportato. Dio doveva essere condannato a vivere sulla terra, come una persona umana.

“Fatelo nascere ebreo. Fate che sia torturato, infine, fategli vedere cosa significa essere terribilmente soli. Poi fatelo morire. Fatelo morire in modo che non possa esserci dubbio sulla sua morte. Fate che ci siano testimoni a verifica di ciò”.

Mentre ogni singolo rappresentante annunciava la sua parte di discorso, mormorii di approvazione si levarono dalla moltitudine delle persone riunite.

Quando l’ultimo ebbe finito ci fu un lungo silenzio. Nessuno osò una sola parola.



Perché improvvisamente tutti si accorsero che Dio aveva già rispettato tali condizioni.
A cori alterni
Ti salutiamo, Croce di Cristo,

legno che ha portato il suo corpo donato per noi

nuova arca della nuova ed eterna alleanza

trono e altare dove Cristo, re e sacerdote regna per sempre
Ti salutiamo, Croce di Cristo

e ti preghiamo per tutti i giovani

che vivranno in queste settimane un momento di grazia

nel loro cammino di fede

e nel cammino verso la Giornata mondiale della Gioventù

Ti salutiamo, Croce di Cristo,

documento che sigilla e conferma

il riscatto che Cristo ha pagato per noi

per liberarci per sempre dal peccato
Ti salutiamo, Croce di Cristo,

dove viene immolato l’Agnello di Dio

colui che prende su di sé il nostro peccato

e lo estirpa dal mondo e dal cuore dell’uomo



Ti salutiamo, Croce di Cristo,

speranza di un’umanità nuova, liberata dal peccato

uomini e donne disposti a riconoscere come fratello e sorella

per la potenza di chi, su di te inchiodato, ha donato la vita
Ti salutiamo, Croce di Cristo,

che appari a noi spoglia, nuda, senza il Crocifisso

sei la conferma che lui è risorto, è vivo

sei la certezza che lui è il re vittorioso

donato dal Padre per redimere i fratelli
Amen.
Benedizione

C. Il Signore sia con voi.

A. E con il tuo Spirito.

C. Vi Benedica Dio Onnipotente:

Padre e Figlio e Spirito Santo.



A. Amen.

C. Andate e portate a tutti la croce quale segno dell’amore di Dio per l’umanità.

A. Rendiamo Grazie a Dio
Canto finale: Emmanuel (Inno della GMG 2000)

1. Dall’orizzonte una grande luce viaggia nella storia

e lungo gli anni ha vinto il buio facendosi memoria,

e illuminando la nostra vita chiaro ci rivela

che non si vive se non si cerca la verità.

2. Dalla città di chi ha versato il sangue per amore

ed ha cambiato il vecchio mondo vogliamo ripartire

seguendo Cristo, insieme a Pietro, rinasce in noi la fede,

Parola viva che ci rinnova e cresce in noi.

Rit. Siamo qui sotto la stessa luce, sotto la sua croce, cantando ad una voce.

È l’Emmanuel, l’Emmanuel, l’Emmanuel.

È l’Emmanuel, l’Emmanuel.

3. Un grande dono che Dio ci ha fatto è Cristo, il suo Figlio

e l’umanità è rinnovata, è in Lui salvata.

È vero uomo, è vero Dio, è il Pane della Vita

che ad ogni uomo ai suoi fratelli ridonerà. Rit.

 




Verilənlər bazası müəlliflik hüququ ilə müdafiə olunur ©kagiz.org 2016
rəhbərliyinə müraciət